|
  

Online grazie a...

S&P e FTSE Mib a confronto

Stampa E-mail
Scritto da Mapokam   
Giovedì 21 Febbraio 2013 11:29

 Grafo Mensile dell'indice S&P e indice Ftse Mib a confronto . Anche in questo caso - come per l'analisi del confronto Ftse Mib/DAX - il paragone è implacabile . S&P si è riportato sui max del 2000 e del 2007, noi siamo in prossimità di Minimi degli ultimi 15 anni .

Secondo me particolare attenzione dovrebbe essere riservata agli studi su S&P che spero abbastanza chiari : S&P batte movimenti Pluriennali di circa 6 anni, le fasi rialziste hanno avuto una durata media di circa 4 anni , se i fenomeni si ripetono ..... le conseguenze tiratele voi sul futuro dei 2 indici.

Corsi e ricorsi storici : Cicli Espansivi/Recessivi sullo S&P dal 1925 al 2010

prendo in prestito una Chart che mi sembra utile ripubblicare  .... fatevi trovare con tutto il Capitale dedicato al Trading disponibile nel prossimo 2015, e poi andate i ferie Bocca danarosa

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Gli articoli di SpazioTrader.it sono Copyright dei rispettivi autori
Questo articolo ti è stato utile? Considera di fare una piccola donazione per aiutarci a mantenere attivo il servizio!
Nota Importante: Questo articolo riflette l'opinione personale dell'autore e in nessun caso costituisce sollecitazione all'investimento. L'investitore che decidesse di seguirne le indicazioni, lo fa per libera scelta e a proprio rischio. L'autore del messaggio potrebbe essere in conflitto di interesse in quanto potrebbe essere possessore dei titoli eventualmente evidenziati nel messaggio stesso. Gli spunti proposti sono generalmente basati su un modello tecnico-grafico analizzato secondo le personali convinzioni dell'autore, e non possono in alcun modo sostituire il libero ed informato giudizio dell'investitore, che agisce a proprio rischio e pericolo.
Ultimo aggiornamento Sabato 23 Febbraio 2013 10:38
 

Commenti  

 
# mapokam 2013-02-21 12:51
i componenti della FOMC (Federal Open Market Committee) ieri hanno commentato le minute della riunione di fine Gennaio. Sono emerse preoccupazioni ''sui rischi e sui potenziali costi che emergerebbero da ulteriori acquisti di asset''.La proposta è''di variare l'ammontare degli acquisti sia in relazione ai cambiamenti delle prospettive economiche sia in base ad una valutazione dell'evoluzione dell'efficacia e dei costi di tali acquisti''.