|
  

Online grazie a...

Grecia e UE, la farsa in atto

Stampa E-mail
Scritto da Diogene   
Domenica 01 Marzo 2015 18:52

Nella cassa ellenica non c’è un euro, servono con urgenza 7 miliardi di euro appena sufficienti a scrivere “proroga”. Tsipras e Varoufakis dicono di poterli garantire con 800 milioni rivenienti dalla lotta al contrabbando di sigarette, 1.5 miliardi dalla lotta al contrabbando di benzina, 2.5 miliardi dal contrasto all’evasione e recupero di poste arretrate e in ultimo altri 2.5 miliardi da una patrimoniale alla “Robin Hood”.

Non vogliamo mancare di rispetto a nessuno, ma siamo abbastanza realistici e scappa un sorriso nel credere di poter recuperare risorse dalla criminalità organizzata (contrabbandieri). È anche improbabile recuperare arretrati fiscali da un popolo ridotto alla fame che festeggerebbe anche solo poter sperare di avere la possibilità di prendere in considerazione l’opportunità di concordare un piano di rientro!...

.....

Syriza è già andata in frantumi, in campagna elettorale ha detto “tutto” e il contrario di “tutto”, comprensibilmente seguito da un popolo che ormai si attacca a ogni anelito di speranza perché disperato (e neanche troppo visto la mancanza del favore plebiscitario). Vince con la favola di poter rimanere sulla “giostra” senza pagare il biglietto, ha illuso il popolo di poter fare la rivoluzione rimanendo in ciabatte, ha raccontato una missione inesistente.

L’Europa non è da meno, recita una farsa facendo finta di trattare, mentre in realtà tutta questa sceneggiata...

continua a leggere su INTELLIGONEWS

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Gli articoli di SpazioTrader.it sono Copyright dei rispettivi autori
Questo articolo ti è stato utile? Considera di fare una piccola donazione per aiutarci a mantenere attivo il servizio!
Nota Importante: Questo articolo riflette l'opinione personale dell'autore e in nessun caso costituisce sollecitazione all'investimento. L'investitore che decidesse di seguirne le indicazioni, lo fa per libera scelta e a proprio rischio. L'autore del messaggio potrebbe essere in conflitto di interesse in quanto potrebbe essere possessore dei titoli eventualmente evidenziati nel messaggio stesso. Gli spunti proposti sono generalmente basati su un modello tecnico-grafico analizzato secondo le personali convinzioni dell'autore, e non possono in alcun modo sostituire il libero ed informato giudizio dell'investitore, che agisce a proprio rischio e pericolo.