|
  

Online grazie a...

QE di Draghi tra ripresa e dubbi. Guardiamo agli USA

Stampa E-mail
Scritto da Diogene   
Sabato 28 Marzo 2015 11:19

Seguiamo gli Stati Uniti ma perché seguendo le vicissitudini di un’economia “importante” come quella statunitense, e soprattutto prendendo ad esempio il Paese che del QE ne ha fatto una “religione”, in qualche modo possiamo prevedere il destino dell’Europa e del suo QE.

...... il dato inaspettato è stato il sesto mese consecutivo di calo della spesa per beni durevoli esclusi quelli per la difesa e del settore aereonautico. A questo punto, è divertente ricordare tutte le variazioni e correzioni effettuate nel corso di soli due mesi scarsi; il 2 febbraio la previsione di crescita (primo trimestre) del PIL Usa era 1,9%, a seguire: 2 marzo +1,2%, 5 marzo +1,3%, 6 marzo +1,2%, 10 marzo +1,4%, 12 marzo +0,6%, 13 marzo +0,8%, 16 marzo +0,4%, 17 marzo +0,3%, 23 marzo +0,3%, 24 marzo +0,3%, 25 marzo +0,2%.
Non è uno scherzo: sono esattamente la successione di previsioni della FED Atlanta.....

Detto questo, guardiamo in casa nostra, cioè in Europa e poi in Italia, e lo vogliamo fare con le dichiarazioni di due economisti: Mario Lettieri :“C’è troppa psicologia e poca economia reale nel Quantitative Easing, l’allargamento quantitativo di Mario Draghi. E anche in molti commenti alla politica della Bce”, scrive in una lettera.

.....Le due opinioni convergono esattamente sul fatto che c’è troppa enfasi per un provvedimento tutto sommato sopravvalutato; concretamente il QE ha senso solo se impatta sull’economia reale, i vincoli sono necessari per cambiare il corso della politica monetaria Europea e anche italiana. Questi vincoli non esistono, e questo determina preoccupazione sul fatto che le banche vogliano realmente reinvestire le plusvalenze per spingere l’economia oppure (come sospettiamo noi) andranno a impiegarle sui mercati azionari avviando un nuovo corso speculativo e alimentando bolle finanziarie simili a quelle statunitensi con l’asfissia totale della classe media riducendola alla mera sopravvivenza.

continua a leggere su INTELLIGONEWS

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Gli articoli di SpazioTrader.it sono Copyright dei rispettivi autori
Questo articolo ti è stato utile? Considera di fare una piccola donazione per aiutarci a mantenere attivo il servizio!
Nota Importante: Questo articolo riflette l'opinione personale dell'autore e in nessun caso costituisce sollecitazione all'investimento. L'investitore che decidesse di seguirne le indicazioni, lo fa per libera scelta e a proprio rischio. L'autore del messaggio potrebbe essere in conflitto di interesse in quanto potrebbe essere possessore dei titoli eventualmente evidenziati nel messaggio stesso. Gli spunti proposti sono generalmente basati su un modello tecnico-grafico analizzato secondo le personali convinzioni dell'autore, e non possono in alcun modo sostituire il libero ed informato giudizio dell'investitore, che agisce a proprio rischio e pericolo.