|
  

Online grazie a...

Draghi avverte sulla Bolla speculativa

Stampa E-mail
Scritto da Diogene   
Sabato 28 Marzo 2015 11:25

Il Centro Studi di Confindustria condivide la tesi del Governo. Invero Squinzi solo la settimana scorsa parlava di “strisciare sul fondo” a proposito dell’ottimismo del premier sull’imminente ripresa.
E poi annuncia la variazione positiva del PIL ma solo due mesi fa aveva previsto un PIL in crescita per il 2015 minimo di 2.1% .Si stimava, infatti, che erano sufficienti i soli effetti combinati del minor prezzo del petrolio, euro più debole, calo dei tassi a lungo termine per stimolare l’effetto di “spingere” il nostro Pil di +2,1% nell’anno in corso e del 2,5% nel prossimo. Ed era letteralmente sottolineato che questo esito “non si tratta della stima di crescita totale, ma dell’effetto composto dei quattro fattori sul Pil”.

......Poi c’è Mario Draghi che tenta di “smarcarsi” improvvisamente. La questione è legata al rischio che si crei una bolla speculativa (noi ne parlammo all’esordio del QE, non perché siamo più bravi ma perché è “accademia”).
Sin dall’inizio i media nazionali ci hanno bombardato con il concetto che il QE non aveva alcuna controindicazione, e sicuramente avrebbe abbassato il debito degli Stati nazionali e quindi anche quello delle aziende private, alleggerendo in questo modo la zavorra delle banche commerciali che così avrebbero supportato l’economia reale. Noi a tale proposito affermammo: se veramente fosse così perché non è stato fatto prima?

....Il governatore della Bce afferma quanto segue: “Siamo in ogni caso consapevoli del fatto che ci possono essere effetti collaterali non previsti sul sistema finanziario. Per esempio, le quotazioni possono salire a prezzi che non sono giustificati dai fondamentali, mentre periodi di bassi rendimenti e bassa volatilità possono invitare ad eccessive assunzioni di rischi da parte degli investitori finanziari. A loro volta, questi sviluppi possono agire come un meccanismo amplificatore per ogni eventuale instabilità finanziaria”. 
Per chi si ostinasse a non voler capire, Mario Draghi ha detto chiaramente che.....

continua a leggere su INTELLIGONEWS

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Gli articoli di SpazioTrader.it sono Copyright dei rispettivi autori
Questo articolo ti è stato utile? Considera di fare una piccola donazione per aiutarci a mantenere attivo il servizio!
Nota Importante: Questo articolo riflette l'opinione personale dell'autore e in nessun caso costituisce sollecitazione all'investimento. L'investitore che decidesse di seguirne le indicazioni, lo fa per libera scelta e a proprio rischio. L'autore del messaggio potrebbe essere in conflitto di interesse in quanto potrebbe essere possessore dei titoli eventualmente evidenziati nel messaggio stesso. Gli spunti proposti sono generalmente basati su un modello tecnico-grafico analizzato secondo le personali convinzioni dell'autore, e non possono in alcun modo sostituire il libero ed informato giudizio dell'investitore, che agisce a proprio rischio e pericolo.