|
  

Online grazie a...

la produzione industriale inciampa, a rischio Pil 2° trimestre

Stampa E-mail
Scritto da Diogene   
Sabato 08 Agosto 2015 07:10

Passo falso a giugno della produzione industriale, lo rileva l’Istat nel suo report odierno e inevitabilmente porta a una crescita (?) meno robusta del previsto nel secondo trimestre dell’anno. L’anomalia è il dato in flessione e sotto le attese anche per il Pmi servizi in Italia per il mese di luglio (sceso a 52 da 53,4 punti) in controtendenza rispetto a quelli invece incoraggianti arrivati a inizio settimana dal Pmi manifatturiero, salito a luglio ai massimi a 4 anni.
La rilevazione del Pil secondo trimestre è attesa venerdì 14 agosto e la speranza è quella di non intaccare la debolezza del ritmo di crescita almeno mantenendo lo 0,3% registrato nel primo trimestre dell'anno.

......

La lettura per settori di attività, ci dice l’Istat, è la seguente: fabbricazione di mezzi di trasporto (+13,7%), fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (+11,0%), e produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (+6,1%). 
Le diminuzioni maggiori si registrano nei settori..........

continua a leggere su INTELLIGONEWS

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Gli articoli di SpazioTrader.it sono Copyright dei rispettivi autori
Questo articolo ti è stato utile? Considera di fare una piccola donazione per aiutarci a mantenere attivo il servizio!
Nota Importante: Questo articolo riflette l'opinione personale dell'autore e in nessun caso costituisce sollecitazione all'investimento. L'investitore che decidesse di seguirne le indicazioni, lo fa per libera scelta e a proprio rischio. L'autore del messaggio potrebbe essere in conflitto di interesse in quanto potrebbe essere possessore dei titoli eventualmente evidenziati nel messaggio stesso. Gli spunti proposti sono generalmente basati su un modello tecnico-grafico analizzato secondo le personali convinzioni dell'autore, e non possono in alcun modo sostituire il libero ed informato giudizio dell'investitore, che agisce a proprio rischio e pericolo.