|
  

Online grazie a...

La bolla finanziaria "a mandorla": i rischi per la Cina e per noi

Stampa E-mail
Scritto da Diogene   
Venerdì 11 Settembre 2015 11:13

9Luglio Che succede in Cina? Facciamo solo un volo radente per non annoiare chi non si occupa professionalmente di certe dinamiche. Cerchiamo di spiegare la dinamica usando una terminologia comprensibile con buona pace della finanza.
La Borsa di Shangai:
è la principale Borsa valori cinese, dal 12 giugno 2014 fino al 12 giugno 2015 (data in cui è cominciata la caduta, il listino aveva capitalizzato il 150% del suo valore. In meno di un mese ha perduto il 30%.

......L’anomalia: la bolla finanziaria si è cominciata a formare nel momento esatto in cui i prezzi hanno cominciato a crescere senza una corrispondenza col mercato reale; in parole semplici la capitalizzazione di Borsa non ha una reale corrispondenza con la crescita del Pil. Per chi ha buona memoria, è più o meno quello che accadde al Nasdaq nel 1999 con la più famosa bolla della “New Economy” (aziende digitali statunitensi che nascevano come funghi). La medesima cosa è accaduta al ChiNext che è l’indice che raccoglie le maggiori società tecnologiche Cinesi.
Presumibilmente, come accade sempre, qualcuno deve avere cominciato a pensare .......

Ipotesi: da poco tempo la borsa di Shangai ha aperto le contrattazioni agli investitori stranieri, e inevitabilmente il Paese che ha maggiormente “utilizzato” il mercato Cinese è proprio l’America che a seguito di quattro QE consecutivi ha creato liquidità nelle banche statunitensi tali da “invitare” i broker di queste ultime a investire in un mercato così “generoso”. La necessità di recuperare dollari da parte della Finanza statunitense in forte contrazione ha creato il ciclone di vendite sul listino cinese.
Tanto è plausibile se consideriamo che nella Borsa Cinese è rappresentato solo il 15% del risparmio privato delle famiglie cinesi, e pochissime aziende locali fruiscono del mercato di casa....

Guardando il Pil del primo trimestre, quello che balza all’occhio è il forte rialzo del contributo del settore finanziario alla sua crescita (1,3% rispetto allo 0,7% del trimestre precedente). Questo conferma il traino della speculazione del brokeraggio (non inviso al governo cinese), che probabilmente non continuerà nelle attuali condizioni dei mercati. Di conseguenza, con tutta probabilità ciò peserà sulla crescita del Pil del terzo trimestre.

 

continua a leggere su INTELLIGONEWS

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Gli articoli di SpazioTrader.it sono Copyright dei rispettivi autori
Questo articolo ti è stato utile? Considera di fare una piccola donazione per aiutarci a mantenere attivo il servizio!
Nota Importante: Questo articolo riflette l'opinione personale dell'autore e in nessun caso costituisce sollecitazione all'investimento. L'investitore che decidesse di seguirne le indicazioni, lo fa per libera scelta e a proprio rischio. L'autore del messaggio potrebbe essere in conflitto di interesse in quanto potrebbe essere possessore dei titoli eventualmente evidenziati nel messaggio stesso. Gli spunti proposti sono generalmente basati su un modello tecnico-grafico analizzato secondo le personali convinzioni dell'autore, e non possono in alcun modo sostituire il libero ed informato giudizio dell'investitore, che agisce a proprio rischio e pericolo.