ISTAT: la disoccupazione scende ma la decrescita sale

Stampa
Scritto da Diogene   
Venerdì 04 Dicembre 2015 13:43

Ai minimi il dato del tasso di disoccupazione in italia che si attesta all’11,5% in ottobre (il dato più basso degli ultimi tre anni), tuttavia il numero degli occupati  ha ripreso a scendere, siamo sempre a ottobre e -39mila individui che non hanno più un lavoro.....

...Riguardo gli inattivi, questi incidono sul calo del tasso di disoccupazione che, dopo la crescita di settembre (+0,5%), la stima degli inattivi tra i 15 e i 64 anni aumenta infatti ancora dello 0,2% (+32 mila persone inattive). Diminuisce il numero di inattivi maschi e di età inferiore a 50 anni. Il tasso di inattività, è pari al 36,2%, in aumento di 0,1 punti percentuali. Su base annua l'inattività aumenta dell'1,4% (+196 mila persone inattive) e il tasso di inattività di 0,6 punti percentuali.Rispetto ai tre mesi precedenti, nel periodo agosto-ottobre 2015 la stima dei disoccupati diminuisce di 142 mila, a fronte di una crescita degli occupati (+32 mila) e degli inattivi (+66 mila).
La bassa crescita del lavoro e soprattutto la crescita del tasso di inattivi sottolinea una preoccupazione che cresce di intensità giacché oltre ogni visione ideologica, confrontata con l’incentivo dello stato doveva necessariamente offrire risultati assai più importanti ancorché drogati....

continua a leggere su INTELLIGONEWS

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Gli articoli di SpazioTrader.it sono Copyright dei rispettivi autori
Questo articolo ti è stato utile? Considera di fare una piccola donazione per aiutarci a mantenere attivo il servizio!
Nota Importante: Questo articolo riflette l'opinione personale dell'autore e in nessun caso costituisce sollecitazione all'investimento. L'investitore che decidesse di seguirne le indicazioni, lo fa per libera scelta e a proprio rischio. L'autore del messaggio potrebbe essere in conflitto di interesse in quanto potrebbe essere possessore dei titoli eventualmente evidenziati nel messaggio stesso. Gli spunti proposti sono generalmente basati su un modello tecnico-grafico analizzato secondo le personali convinzioni dell'autore, e non possono in alcun modo sostituire il libero ed informato giudizio dell'investitore, che agisce a proprio rischio e pericolo.