|
  

Online grazie a...

Bad Bank, c’è l’accordo: come funziona.

Stampa E-mail
Scritto da Diogene   
Domenica 31 Gennaio 2016 16:08

......Finalmente il gioco che il governo italiano ha subito per oltre un anno è finito; con ogni proposta fin qui presentata che finiva inevitabilmente per rimbalzare contro un muro di gomma, terrorizzati dalla mole di crediti problematici ma immemori dei crediti problematici che una certa parte di Europa si era già “scontata” anche con i soldi buoni dell’Italia (buoni solo quando erano loro convenienti). La tattica della controparte, a sentire chi ha collaborato al dossier, è stata quella di sollevare continuamente problemi formali secondo una interpretazione restrittiva delle regole sugli aiuti di Stato,....

Non si altera in alcun modo l’impianto generale della norma riconosciuto e condiviso dall’Ue sul recupero dei debiti deteriorati da parte degli istituti di credito, quindi si è raggiunto l'accordo sul meccanismo di garanzia, che prevede l’incentivazione per accelerare l'assorbimento da parte del mercato dei crediti in difficoltà, che tradotto significa che il costo della garanzia aumenterebbe nel corso del tempo. Secondo fonti del ministero, il meccanismo consiste in una “garanzia sulle cartolarizzazione delle sofferenze”.La Commissione europea concorda che il meccanismo non prevede aiuti di Stato, lo Stato garantirà soltanto le tranche senior delle cartolarizzazioni, cioè quelle più sicure, che sopportano per ultime le eventuali perdite derivanti da recuperi sui crediti inferiori alle attese. Non si potrà procedere al rimborso delle tranche più rischiose (junior e mezzane), se non saranno prima state integralmente rimborsate le tranche senior garantite dallo Stato.
Il meccanismo: Le garanzie possono essere richieste dalle banche che cartolarizzano (cessione di attività o beni attraverso l'emissione e il collocamento di titoli obbligazionari) e cedono i crediti in sofferenza, a fronte del pagamento di una commissione periodica al Tesoro, calcolata come percentuale annua sull'ammontare garantito. Il prezzo della garanzia è di mercato, come riconosciuto anche dalla Commissione europea, che concorda sul fatto che lo schema non contempli aiuti di Stato. Il prezzo sarà calcolato prendendo come riferimento i prezzi dei Cds degli emittenti italiani con un livello di rischio corrispondente a quello dei titoli garantiti. Il prezzo sarà crescente nel tempo, sia per tenere conto dei maggiori rischi connessi a una maggiore durata delle note, sia per introdurre nello schema un forte incentivo a recuperare velocemente i crediti.Cos’è un Cds e come funziona: il credit default swap è uno strumento........

continua a leggere su INTELLIGONEWS

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Gli articoli di SpazioTrader.it sono Copyright dei rispettivi autori
Questo articolo ti è stato utile? Considera di fare una piccola donazione per aiutarci a mantenere attivo il servizio!
Nota Importante: Questo articolo riflette l'opinione personale dell'autore e in nessun caso costituisce sollecitazione all'investimento. L'investitore che decidesse di seguirne le indicazioni, lo fa per libera scelta e a proprio rischio. L'autore del messaggio potrebbe essere in conflitto di interesse in quanto potrebbe essere possessore dei titoli eventualmente evidenziati nel messaggio stesso. Gli spunti proposti sono generalmente basati su un modello tecnico-grafico analizzato secondo le personali convinzioni dell'autore, e non possono in alcun modo sostituire il libero ed informato giudizio dell'investitore, che agisce a proprio rischio e pericolo.
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna