|
  

Online grazie a...

America

S&P mensile

Stampa E-mail
Scritto da Mapokam   
Domenica 04 Marzo 2012 21:31

Quando mi sento meno confidente sulla interpretazione dell'andamento dei mercati - come accade in questo momento - faccio appello al mercato Americano e al suo indice più significativo S&P , quello cui tradizionalmente dovremmo ispirarci ( sottolineo dovremmo perchè è chiaro il disallineamento dell'indice Usa con il nostro ) per cercare una chiave di lettura degli andamenti passati e una interpretazione dei possibili movimenti futuri. E per eliminare il rumore di fondo, amplio il respiro dell'analisi prendendo un grafo mensile di Lungo periodo.

Una premessa : guardo solo il grafico, mi astengo dall'ascoltare i rumori delle analisi macroeconomiche perchè, in funzione predittiva ,  potrei con la stessa attendibilità e dovizia di dati dimostrare tutto e il suo contrario.           USA crescerà perchè le manovre QE hanno fornito linfa ai mercati, il PIL cresce del 3% sopra le attese ( 2,8% ), nell'anno delle elezioni la borsa è stata nella maggior parte dei casi positiva per sostenere la rielezione, e perchè nella stagione delle trimestrali il 60%delle società hanno battuto le stime degli analisti.               USA diminuirà perchè il Beige Book ha definito la crescita ancora tra " modesta e moderata " nonostante le inondazioni di danaro della FED, il Dollaro è tenuto artificiosamente basso per incentivare l'export USA ma questo non potrà durare all'infinito, Il P del Greggio in aumento deprimerà la crescita reale; e in ultimo... ( questo non è un dato macro , ma fa effetto ) "Apple ha registrato - come in questo momento - un RSI quadrimestrale > 90 solo prima del 1987, nel 2000 e nel 2008" ...quello che è successo dopo lo conosciamo tutti credo

Potrei fare lo stesso esercizio per il mercato italiano, quindi ve lo risparmio .

Tornando all'analisi del grafo, mi sono concentrato sull'andamento dell'RSI per dimostrare come l'indicatore abbia SEMPRE correttamente anticipato il movimento futuro del mercato in corrispondenza della rottura di una Trend Line disegnata sui suoi valori ( parlo delle Trend Line disegnate sui valori dell'indicatore RSI ):             Marzo 2003( rialzo ), Giugno 2007( ribasso ), Marzo 2009( rialzo ),l'ultima a Giugno 2011(ribasso ). MI resta da capire la Trend Line attuale, e se fosse quella ipotetica in formazione ( disegnata in nero ) sarebbe in divergenza rispetto alla linea dei Prezzi. mi spiego

Ora siamo con RSI a 62, in mezzo al guado ( ecco perchè la situazione non mi è ancora definitivamente chiara ) e le possibilità sono due

a) l'RSI sta disegnando un Pull Back a ritestare dal Basso RSI 1 , lo farebbe a quota 80 circa, in area di ipercomperato e doppiando i 2 max del 2007 . Quindi i Prezzi - come hanno fatto muovendosi sulla Trend Line 1 -  saliranno ancora testando la resistenza della TL 2 ( Trend Line 2 sul grafo dei prezzi ) fino a 1400 ( massimo del giugno 2008) o addirittura 1440 ( massimo del Maggio 2008 ), si potrà scendere solo dopo questo test.

b) l'RSI sta cercando Massimi decrescenti sulla nuova ipotetica Trend Line RSI 2 . Quindi saremmo già in divergenza rispetto agli ultimi massimi dei prezzi e entro le prossime due settimane si scende a testare la validità della nuova Trend Line Supportiva dei Prezzi ( TL 3 )

Sopra i Valori di chiusura della passata settimana si asseconda il movimento ascendente.  Sotto quei valori ci si prepara ad assistere ad una potenziale pausa di riflessione per ricaricare il mercato.

I prossimi giorni saranno di qualche aiuto , perchè SE in termini di Valori sul giornaliero  abbiamo rotto al rialzo la Statica a 1365, sull 'RSI  siamo proprio al test della Trend Line di Supporto dell'indicatore.

 

 

 

NASDAQ 100

Stampa E-mail
Scritto da Offear   
Giovedì 23 Febbraio 2012 14:47

Oggi per il Nasdaq Seduta importante. A meno che non vogliano lateralizzare tutta la settimana, ci troviamo su livelli importanti, infatti 2600pti han resistito per ben 4 volte, e 2575 pti è il supporto dinamico. Momentum che indica un decremento degli acquisti e stocastico che si sta scaricando lentamente. Una chiusura sotto 2575 potrebbe proiettare quindi il nasdaq a 2500 punti per la chiusura del gap. é lecito tentare uno short con stop loss sopra 2600.

 

S&P 500

Stampa E-mail
Scritto da Mapokam   
Sabato 18 Febbraio 2012 18:21

L'indice S&P 500 ha realizzato una performance del +8,6% dall'inizio dell'anno (il +14% circa dal 19dic 2011) portandosi praticamente a solo 7punti dai Max dell'Aprile 2011.    Visto l'innegabile potere di attrazione degli indici Usa è abbastanza prevedibile che anche l'indice nostrano non possa che essere influenzato dall'andamento di Wally ( se il battito d'ali di una farfalla in Brasile può provocare un tornado in texas, pensate cosa dovrebbe provocare lo starnuto di un elefante come l'S&P per noi minuscole e cagionevoli borse europee).

Alla ricerca di una chiave interpretativa dei movimenti del ns FTSE, mi è sembrato allora opportuno dare un occhio al principale indice Usa, per vedere se trovassi delle indicazioni che potessero ispirare una interpretazione più originale delle solite per analizzare il Mercato. E data l'uggiosità della giornata ho trovato l'ispirazione per  spendere un pò più di tempo sui grafici con l'aiuto di strumenti meno scontati delle solite Trend Line.  I risultati mi sembrano per lo meno interessanti. L'esercizio è a puro scopo didattico e si fonda sulla ripetizione degli eventi.

L'oggetto dell'analisi è l'S&P, gli strumenti dell'analisi sono: le griglie del ventaglio di Gann (terreno a dir poco "minato", piuttosto ostico e del quale non sono assiduo frequentatore - excusatio non petita), e gli archi di Fibonacci.

Il primo piano di lavoro è il grafo settimanale : ho costruito la griglia facendo partire la prima Fan di gann dal minimo del 2 mar 2009. La seconda Fan di Gann al ribasso è stata puntata nella stessa data (2/3/2009) MA dal livello corrispondente al Max del 8 Ott 2007 (livello 1576).

La prima evidenza magicamente interessante è che S&P ha realizzato il Max sino ad oggi non ancora eguagliato il 2Magg 2011.... ESATTAMENTE CORRISPONDENTE AD UN ANGOLO DI SET UP  ( incrocio di 2 linee ).

Passando all'analisi del grafo giornaliero - dopo aver sottolineato che abbiamo assistito ad un Golden Cross ( la MM 50 incrocia al rialzo la MM 200 ) e che dovrebbe essersi già esaurito il Sequential di DeMark (13° giornata di Sell Countdown ) ho provato a studiare il movimento dell'indice in termini di Valore e Tempo con gli archi di Fibonacci. Nel movimento ascendente in essere dal 4 Ott 2011 ci sono stati sino ad ora 2 soli ritracciamenti : in Nov e poi in Dic 2011. ENTRAMBE  i ritracciamenti sono stati del 61,8% di Fibonacci. Ho poi risettato la griglia dattandola al time frame giornaliero: la prima parte dal Min di Ott 2011, la seconda - corrispondente data - MA dal Max di Aprile 2011 a 1370.

Ora, se assumiamo che l'indice si comporti nella stessa maniera .... nei primi gg della prossima settimana POTREMMO intercettare un Max che corrisponderebbe a:
- lo stesso
angolo di Set Up (incrocio di 2 linee) del grafo settimanale

-
Doppio Max con quello del 2 maggio 2011
- Test della 1x1 della Fan ascendente di Gann sulla quale armonicamente si sono mossi i Valori sino ad ora.
Potrebbe poi ripetersi un ritracciamento del 61,8%, che lo porterebbe ad incrociare l'arco di Fibonacci corrispondente, attorno alla metà del mese di Marzo . Sorpreso

Per tornare alle vecchie care Trend Line , più prosaicamente , è ragionevole immaginare che sul test del doppio Max un possibile ritracciamento trovi i primi livelli di Supp in area 1320 circa ( 23,6% di Fibo ) e poi 1290 circa ( 50% di Fibo )

non ci resta che osservare l'evoluzione

PS: i primi 2 grafici sono ricchi di oggetti e forse poco visibili, me ne scuso

Ultimo aggiornamento Domenica 19 Febbraio 2012 19:21
 

NASDAQ 100

Stampa E-mail
Scritto da Offear   
Venerdì 17 Febbraio 2012 10:23

La salita repentina del Nasdaq 100 cominciata il 19 dicembre continua ad ogni test del supporto dinamico, sopra 2600 punti potremmo assistere ad un ulteriore sprint, i primi segnali negativi per vedere quantomeno uno scarico degli oscillatori potrebbe essere una chiusura sotto 2550 pti circa. Vediamo gli sviluppi di questo fine settimana, certo è che ormai entrare long è molto rischioso poichè stiamo parlando di un treno in corsa da oltre due mesi e mezzo. Per il futuro da tenere d'occhio l'area a 2450-2500pti che potrebbe essere il punto di accumulo di un eventuale pull back.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 7 di 17