|
  

Online grazie a...

Forex

EUR/USD analisi ciclica e volumetrica di medio periodo

Stampa E-mail
Scritto da Clifford Shepard   
Lunedì 26 Ottobre 2015 23:32

9 Genn2016 Buongiorno, ripartiamo da dove ci siamo lasciati a fine di ottobre 2015: il battleplan ci indicava una possibile chiusura del movimento semestrale (t+4 in gergo ciclico) in data 3/12/15, il vwap indicava volumetricamente un ultimo supporto utile in area 1,055, corrispondente alla 3^ deviazione standard negativa rispetto al vwap stesso. Eur/usd ha arrestato la sua discesa proprio il 3/12/15 e sull'ultimo supporto di prezzo, prima della riunione BCE di quel mese. Questo ci indica 2 cose: temporalmente Eur/usd ha fatto 2 movimenti di durata speculare (13 aprile/7 agosto e 7 agosto/3 dicembre), quando è così il battleplan sembra perfetto per guadagnare a mercato, purtroppo non è sempre così ma la sua utilità è quella di dare una possibile lettura dell'armonicità del movimento in atto. La distribuzione dei volumi, mediante vwap (Volume Weighted Average Price cioè prezzo medio ponderato per i volumi scambiati), è un'indicazione preziosa perché offre una misura oggettiva di quelli che sono stati gli scambi sul sottostante in questione. Le sue deviazioni standard non sono altro che una misura statistica della volatilità rispetto al vwap stesso.
Venendo all'attualità dovremmo essere entrati nella seconda metà del movimento annuale cominciato il 13/4/15 e il cui termine è previsto, indicativamente, per la seconda metà di maggio/inizio di giugno 2016, come si vede anche nel battleplan. Se così fosse nel breve periodo fase probabilmente favorevole all'euro ma sul lungo periodo ancora decisamente pro dollaro, come denotato anche dalla sequenza positivo/negativo per i 2 movimenti sopracitati (13/4/15-->7/8/15 positivo, 7/8/15--->3/12/15 negativo).

Per avere conferme più certe sul movimento annuale, ovvero se davvero siamo già nella sua seconda metà, dobbiamo analizzare i movimenti di più breve respiro, come quello iniziato il 3/12/15. Perché si possa certificare la partenza del nuovo movimento semestrale (t+4) è necessario che tale movimento, la cui conclusione è temporalmente prevista per inizio febbraio, si concluda positivamente.

Osservando la distribuzione volumetrica mediante vwap si può notare come i picchi dei volumi statici si concentrino in area 1,125 e 1,0984, il vwap è a metà a 1,1095, nei pressi del quale passa anche la sma 200 daily (verde sul grafico). Tali prezzi sono dunque, in questo momento, delle resistenze. La risalita dell'euro, per ora, si è fermato proprio in questa area testandola dal basso, per questo si può parlare di pullback in questa fase. Supporti in area 1.086 e 1.063
Teniamo sempre presente che dal marzo 2015 ci stiamo muovendo in quello che è un rettangolo di congestione laterale fra 1,05/1,15 (salvo spike di breve come 1,17 del 24/8/15), questo è elemento essenziale per valutare come impostare la propria operatività.

 

 

 

 

Buongiorno, ciclicamente su EUR/USD ci troviamo nella fase terminale del movimento semestrale che ha avuto inizio dai minimi relativi di metà aprile 2015. I prezzi hanno rotto il supporto di area 1.12 e, tra oggi e venerdì hanno, tentato a più riprese, al momento senza riuscirci, di rompere anche l'altro importante supporto di area 1.10, la cui rottura proietterebbe i prezzi verso area 1.08, ampiamente testata fra la fine di luglio e la prima decade di agosto in concomitanza con la formazione del minimo di metà movimento. Temporalmente il battleplan indica che il movimento in questione dovrebbe avere termine fra la fine di novembre e i primissimi giorni di dicembre:

Se andiamo ad osservare il movimento trimestrale, seconda parte del semestrale di cui sopra e che ha avuto inizio dal minimo relativo del 10 agosto 2015, possiamo notare che i movimenti, sia dei minimi che dei massimi, hanno avuto una durata piuttosto regolare di 18/19 giorni circa: per questo, da battleplan, sembra lecito attendersi una fase di pullback prima della discesa conclusiva, sia del trimestrale che del semestrale. Ovviamente questa è l'ipotesi primaria ma ci preme sottolineare che l'ampiezza temporale traguardata dal movimento, sia semestrale che trimestrale, sarebbe già sufficiente al fine di concludere i due movimenti di cui stiamo parlando per cui nulla va dato per scontato. 

Per trovare dei target più precisi, soprattutto a livello volumetrico, ci avvaliamo del vwap e delle sue 2 deviazioni standard, settato con inizio dal 13 aprile 2015: come si può notare il vwap (tratteggiata verde/rossa a seconda se i prezzi viaggiano sopra/sotto di esso) è stato ottimo spartiacque del movimento. Al momento volumetricamente la skew è ribassista perchè il pvp>vwap, infatti il primo è in area 1.1225 mentre il secondo è 1.1153: da teoria bisognerebbe cercare di shortare i pullback fino a quando la skew non viene modificata (ad esempio creando un forte accumulo di volumi sotto il vwap formando così un nuovo pvp). Comunque sia i livelli di supporto sono ben visibili fra 1.10 e area 1.0957, le resistenze sono il vwap stesso, che ha il medesimo valore della sma200, e soprattutto area 1.1225 che è pvp di questo movimento. A 1.1235 passa anche la ema 64. Il seguente grafico è aggiornato alla chiusura di venerdì 23 ottobre 2015:

Ultimo aggiornamento Domenica 10 Gennaio 2016 23:19
 

EU/USD lungo periodo

Stampa E-mail
Scritto da Clifford Shepard   
Domenica 28 Giugno 2015 14:36

Buongiorno, la fase di debolezza odierna dell'euro ci consegna un interessante pattern di candele ID/NR 7 che poco fa ha generato segnale ribassista alla rottura del minimo della candela del 29/6/2015 1.09527. A massimo odierno invariato (1.10572) proietta target di prezzo in area 1.0740 (che corrisponde anche al 76,4% di ritracciamento della salita dal minimo di aprile 1.0519 al massimo di maggio 1.1466). Step intermedio supportivo area 1.088/1.0815, su eventuali rimbalzi area 1.10/1.1050 da supporto potrebbe divenire resistenza significativa. Aggiungo che nel battleplan temporalmente siamo nella parte conclusiva del movimento trimestrale, esso in maniera indicativa proiterebbe debolezza per ancora 3/4 giorni ma su un movimento di 3 mesi è davvero poco, è bene concentrarsi su come si muove il mercato in questa fase. 

 

Buongiorno a tutti, prima di cominciare con l'analisi del cambio euro/dollaro (EU/USD) credo siano doverose un paio di premesse, la prima concerne le motivazioni per cui ho deciso di analizzarlo: esso rappresenta quasi il 25% degli scambi sul mercato valutario, ha una grossa influenza sulle borse di tutto il mondo e ci sono numerosi gli asset quotati in euro ma con sottostante usd (si vedano gli ETC su commodities ad esempio). La seconda premessa è metodologica: utilizzerò l'analisi ciclica mediante metodo Battleplan. Esso vuole essere una mappa temporale (perchè è essenzialmente su questo che lavora il Battleplan), una sorta di indicazione di massima su dove ci troviamo. Ad esso affiancherò pattern di prezzo ricavati mediante altri sistemi di analisi tecnica. Sono consapevole del fatto che, allo stato attuale, l'analisi ciclica ha avuto delle importanti ed innovative evoluzioni verso metodi che integrano, oltre alla lettura dei minimi, anche quella dei massimi e che consentono di avere un controllo più efficace del mercato. Tuttavia non essendo l'autore di questo metodo e non padroneggiandolo così efficacemente evito di utilizzarlo, credo però sia opportuno tenere a mente la cosa.

LUNGO PERIODO: dal minimo secondario del 13/4/15 ci troviamo in un nuovo movimento trimestrale (T+3) e semestrale (T+4).
Semestrale (T+4): il movimento in questione, schematizzato nell'immagine qui sotto, è iniziato da 53 giorni, ha una durata media ideale di 128 ed è ancora impostato al rialzo ma sta andando a ricercare un minimo di metà ciclo. Da Battleplan tale minimo è temporalmente previsto attorno al 10/7/15. Come si può ben vedere i prezzi sono compressi in un triangolo ed un range di prezzo che, al momento, ha la trend line ribassista che transita in area 1,1440 e la rialzista in area 1,1030 (area BB- sul daily).

Trimestrale (T+3): il movimento trimestrale altro non è, come si può facilmente intuire, che la prima metà del semestrale di cui sopra. E' iniziato da 53 giorni a fronte di una durata minima di 48, ideale di 64 e massima di 80, siamo pertanto già nella finestra temporale atta ad ospitarne la conclusione ed anche il prezzo, con la rottura del minimo del 12/6/15 di 1,1150, decreta lo swing incondizionato del movimento trimestrale. Questo significa che, semplificando, nei prossimi giorni (5/10), EU/USD dovrebbe andare a testare la parte bassa del triangolo e quindi la trend line ribassista senza interessare la parte alta.
I livelli di approdo per la conclusione del movimento trimestrale possono essere ricercati mediante ritracciamenti di Fibonacci 1,052/1,1466, quindi:
1,1104/1,099/1,088, se invece dovesse verificarsi anche la rottura del minimo di 1.0818 del 27/5/15 si andrebbero a ricercare ulteriori pattern di prezzo mediante figure armoniche di inversione (Gartley, bat o crab etc.) ma è un discorso al momento ancora prematuro.
CANDLESTICK PATTERNS: a livello weekly l'ultima candela è una sorta di piercing pattern bearish, primo supporto in area 1,1050 che è BB middle; a livello daily, con la rottura del minimo di 1,1134 del 23/6/15, abbiamo attivazione dell'inside bar pattern bearish che fornisce target di prezzo 1,10.

In conclusione aggiungo due considerazioni: la prima è che questa analisi ciclica ha lo scopo di individuare i trend del sottostante in questione, la fase attuale è favorevole al dollaro con i trend così impostati: primario bearish (pro USD), infatti veniamo dalla lunga discesa iniziata da maggio 2014 e che si è arrestata tra marzo e aprile 2015, secondario che è passato a bearish dopo lunga fase bullish iniziata a metà aprile (quindi ora anch'esso è pro USD), terziario bearish ma che può mutare continuamente (per questo vanno monitorati i sotto cicli di durata minore, 2/4 giorni, ma non è lo scopo di questa analisi). La seconda considerazione, ma non per importanza, è che proprio in queste ore (scrivo alle 15,00 del 28/6/15) la questione greca si fa sempre più delicata: l'esito dei negoziati non potranno che avere una forte influenza sull'andamento del cambio EU/USD, quindi occhi ben aperti ai suoi sviluppi perchè la cosiddetta "parte destra del monitor" sarà probabilmente figlia dei suoi sviluppi.

 

Ultimo aggiornamento Martedì 07 Luglio 2015 14:00
 

EURUSD Forex Cross

Stampa E-mail
Venerdì 19 Ottobre 2012 12:50

Grafico cross EUR USD analisi tecnica

 

Aggiorniamo la situazione del Cross EURUSD perchè ha toccato la ribassista che scende dai massimi assoluti: assai probabile quindi qualche giornata di rosso da cavalcare in Short almeno fino al primo supporto verde

 

EURUSD Forex Cross

Stampa E-mail
Lunedì 01 Ottobre 2012 00:34

Grafico EURUSD Forex Cross

 

Il cross EURUSD ha raggiunto di precisione la parte alta del canale e correttamente ha cominciato la discesa. Nelle ultime sedute si è momentaneamente fermato sulla MM200 (tratteggiata), e siamo in prossimità anche del supporto decennale verde, coe potete vedere nel grafico di lungo:

 

Grafico EURUSD di Lungo

Tale importante supporto è stato già rotto a Maggio, quindi ha perso di forza e il cross potrebbe forarlo senza troppi problemi.

Operatività: Se siamo short dal contatto con la parte alta del canale, come abbiamo indicato già il 12/9, rimaniamoci con SP sopra il canale (che comunque ci darà un minimo gain, siccome ogni giorno la trendline e quindi il nostro SP scende di circa 5 pips). Oltre la MM200 e il supporto verde possiamo incrementare lo short. Sopra la trendline rossa invece c'è da girarsi long.

 

EURUSD Forex Cross

Stampa E-mail
Mercoledì 12 Settembre 2012 23:52

A gentile richiesta del vecchio amico Petrol, aggiorniamo la situazione sul Cross EURUSD che, nel corso dell'estate, si è spostato docilmente dalla parte bassa alla parte alta dell'ormai consolidato canalone ribassista che ha le sue radici a Marzo 2011. Se avete investito qualche spicciolo sfruttando la leva a Luglio quando era evidentemente a contatto della trendline verde, adesso vi sarete abbondantemente pagati le vacanze.

Analisi grafico EURUSD

E' arrivato però il momento di vendere o mettersi short, la parte alta è puntualmente arrivata e, a rigor della più elementare e rilassante analisi tecnica, dobbiamo puntare ad una sua ridiscesa. Lo stoploss con reverse è al superare degli 1,30, ma occhi aperti perchè, come ha fatto spesso, la trendline potrebbe facilmente venire superata per un po', quindi pianificate un investimento in due-tre tranches in modo da tenere gli SL un po' larghi, e gli occhi bene aperti.

Ultimo aggiornamento Giovedì 13 Settembre 2012 00:10
 

EURUSD

Stampa E-mail
Lunedì 23 Luglio 2012 12:09

Grafico EURUSD di lungo

Uno sguardo ventennale sul cross EURUSD ci mostra come siamo appena arrivati in un'area di forti supporti.

 

Grafico EURUSD

Più nel dettaglio vediamo come stiamo camminando docilmente lungo una trendline supportiva, con target assai probabile in area 1,1870 (cerchietto) prima di poter avviare una prima importante reazione. Più in basso ci sono statiche interessanti sui 1,1760 e 1,1640. Visione sempre short quindi, sebbene sia sempre possibile un viaggio a testare la parte alta del canale, buona occasione per incrementare/aprire i propri short.

Ultimo aggiornamento Lunedì 23 Luglio 2012 12:26
 

EurUSD

Stampa E-mail
Scritto da Offear   
Martedì 13 Marzo 2012 23:01

Come si può vedere l'euro usd non è riuscito a raggiungere il target a 1,355 ma ha perso forza e ha ritracciato sul supporto a 1,31 circa. Una chiusura del settimanale sotto 1,29 non sarebbe un buon segnale per la moneta unica che potrebbe andare a ritestare l'importantissimo supporto dinamico che ora passa intorno a 1,27 euro. Da monitorare eventuali discese sotto 1,27 che potrebbero aprire scenari poco incoraggianti per l'euro. Personalmente ritengo probabile che il cambio euro dollaro rimanga ingabbiato tra 1,25 e 1,35 per tutto il 2012 con qualche puntatina fuori da questo trading range, ma ovviamente le previsioni troppo in lungo lasciano il tempo che trovano, perciò monitoriamo i valori di questa settimana per sfruttare eventuali rimbalzi verso 1,34 nel caos di tenuta di 1,31-1,29 o eventuali short con chiusure sotto tali valori.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 14 Marzo 2012 09:43
 

EurUSD - USD spot

Stampa E-mail
Scritto da Offear   
Martedì 10 Gennaio 2012 15:13

Eccoci qui, dopo una lunga pausa e la posizione short sull'euro, ho riaperto il grafico settimanale che vi allego:

Ci troviamo di fronte ad un momento importante per il cambio euro dollaro, infatti siamo a ridosso del supporto dinamico che inizia nel 2001 (trendline rialzista verde). Potremmo assistere ad un interessante rimbalzo da area 1,25 circa. Da tenere d'occhio, un eventuale rimbalzo, quindi conferma di tenuta della trendline, significherebbe un target a 1,35, circa il 10%.

 

EURUSD - EUR/USD

Stampa E-mail
Scritto da Nastro   
Martedì 03 Gennaio 2012 00:59

Continuiamo a seguire questo "improbabile" t&s....

il target ripeto è intorno a 1.15...

 

EURUSD - EUR/USD

Stampa E-mail
Scritto da Nastro   
Sabato 17 Dicembre 2011 02:01

Se.....e sottolineo se....quello sul settimanale fosse un testa e spalle ribassista...potrebbe proiettare l'euro nei prossimi mesi a 1.15 circa...

quota che sembra improbabile ora...ma chissà....

settimanale

 

la stessa figura vista sul daily ci suggerisce che dovrebbe esserci il pullback sulla neckline (1.32/1.3250)...e poi la discesa...sempre se la figura fosse veritiera...e verosimile....

ora il punto è...sarebbe un bene o un male l'euro a quei valori...?...boh...io non so rispondere....se ci sono volontari pronti a teorizzare ben vengano...:)

GIORNALIERO

 

EurUsd Forex Cross

Stampa E-mail
Venerdì 16 Dicembre 2011 01:05

Analisi Grafico EurUsd

Guardando il grafico di lungo del cross EUR/USD ci appare evidente che, essendoci dal 2008 massimi e minimi decrescenti, ci troviamo in una fase ribassista non eccezionalmente rapida negli effetti ma importante. Avviciniamoci all'ultima parte del grafico:

Grafico EURUSD di breve

Nell'ottica di breve siamo quasi giunti a contatto con la parte bassa del canale ribassista (sui 1,29) da cui si potrebbe avere una buona reazione da cavalcare con un long, fermo restando che l'obiettivo rimane la rialzista verde che proviene dai minimi dei tempi dell'introduzione dell'euro (chiaramente visibile nel primo grafico) probabilmente proprio all'incrocio con il canale attuale (vedi cerchietto, circa 1,2575).

 

EurUSD

Stampa E-mail
Scritto da Offear   
Martedì 17 Maggio 2011 23:36

Euro che rallenta la discesa e recupera 1,42. Il grafico settimanale sembra preannunciare un touch importante della rialzista centrale del ventaglio in figura. Resta palese l'importante tenuta di area 1,40 per scongiurare eventuali ripiegamenti in area 1,35. Un consolidamento tra 1,40 e 1,45 potrebbe invece far accumulare all'euro la massa critica che servirebbe a puntare area 1,5. Al momento quindi la situazione rimane stabile con un eventuale deterioramento dell'euro sotto 1,40 o un nuovo rafforzamento con il recupero di 1,45.

 

EurUSD

Stampa E-mail
Scritto da Offear   
Mercoledì 11 Maggio 2011 22:22

Euro che non riesce a sfondare area 1,5 e torna a testare un importante supporto a 1,425 complice il terrore creato sui mercati dal debito greco. Sarà ristrutturazione oppure no? In entrambi i casi il segnale tecnico da tenere d'occhio è la tenuta di area 1,415 e 1,40, dove l'euro potrebbe trovare un valido supporto. Eventuale conferma di forza con chiusura settimanale sotto 1,4 potrebbe spingere il cambio EurUSD verso 1,35 entro questa estate, mentre una lateralizzazione ed un eventuale rimbalzo dai supporti potrebbe far assestare il cambio intorno a 1,5.

 

Eurusd

Stampa E-mail
Scritto da Offear   
Lunedì 11 Aprile 2011 13:34

Euro che conferma la forza e il raggiungimento del target 1,45. Ovviamente primo test e ritracciamento, mi attendo una settimana di consolidamento tra 1,42 e 1,45. Eventuale forza e rottura di 1,45 dovrebbe portare l'euro velocemente a 1,475 e 1,5 come secondo target.

 

EurUSD

Stampa E-mail
Scritto da Offear   
Venerdì 01 Aprile 2011 10:00

Grafico settimanale molto interessante che credo possa darci, in base alla chiusura odierna, indicazione sulla prossima direzione del cambio eurodollaro.

Infatti una chiusura settimanale della candela sopra la resistenza a 1,42 potrebbe rappresentare il segnale di forza che spingerebbe la moneta unica verso il target 1,45 circa. Primi segnali di cedimento del trend in essere una chiusura sotto 1,40.

 

EURUSD

Stampa E-mail
Scritto da Nastro   
Domenica 27 Marzo 2011 17:33

Sul grafico settimanale l'incrocio della statica con la ribassista ha fermato la salita dell'euro, fornendo un possibile segnale ribassista...

solo sopra 1.4250 prima e 1.43 poi si potrebbe a mio avviso ripensare al long...

1.40 a far da supporto....

Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 17:37
 

EurUSD weekly e daily

Stampa E-mail
Scritto da Offear   
Sabato 19 Marzo 2011 14:50

Euro che come previsto conferma la sua forza e dopo un breve consolidamento in area 1,40 con test della rialzista segnalata in verde, si spinge fino al target segnalato a 1,42. La fascia 1,42 1,43 dovrebbe fare da resistenza, un'eventuale conferma di acquisti sull'euro spingerebbero la moneta unica verso 1,45.

Su grafico settimanale possiamo notare come il dollaro abbia fermato la corsa dell'euro proprio sulla ribassista passante per il massimo di Novembre a 1,44 circa. Settimana prossima potremmo assistere a un breve ritracciamento della moneta unica, eventuali segnali di inversione si vedrebbero solamente sotto 1,38 e poi 1,35. Per adesso quindi il trend rialzista è rinvigorito e credo che potremmo rivedere il cambio in area 1,50 complice l'eventuale incremento dei tassi verso l'estate da parte della BCE.

 

EurUSD weekly e daily

Stampa E-mail
Scritto da Offear   
Giovedì 10 Marzo 2011 02:04

Euro che come ci aspettavamo e avevamo segnalato è andato a raggiungere il target a 1,40 per poi correggere a 1,386 circa. Il trend rimane ovviamente rialzista, potremmo aspettarci un test del supporto dinamico in area 1,38 con relativo consolidamente prima di ritestare il massimo a 1,40. Nel caso si confermasse sopra 1,40 target veloce a 1,42 e poi 1,43 dove dovrebbe assestarsi.

Lo scenario che si prospetta per il dollaro comincia ad essere rischioso perchè un eventuale rottura di area 1,45 potrebbe spingere l'euro facilmente verso 1,50, ma sono poco ottimista al riguardo. Credo che la forchetta di oscillazione rimarrà per un lungo periodo tra 1,30 e 1,45 salvo eventi particolare ovviamente non prevedibili al momento. Tecnicamente il primo cedimento della corsa della moneta unica sarà con una conferma del cambio sotto 1,385 a chiusura della settimana.

 

EurUSD weekly e daily

Stampa E-mail
Scritto da Offear   
Domenica 27 Febbraio 2011 22:42

Cari amici, eccoci con i grafici aggiornati per quanto riguarda il cambio Eurodollaro, EurUSD per gli amici.

Sul grafico settimanale possiamo notare come il lato superiore del box di consolidamento e la rialzista nera di metà novembre si siano confermate. Il target naturale è adesso 1,387 e poi 1,40. Finchè l'euro rimane sopra 1,35 un vero rafforzamento del dollaro non dovrebbe avvenire. Nel caso si confermasse sopra 1,395-1,40 potremmo rivedere l'euro in area 1,44 in due tre mesi.

Sul grafico giornaliero rimaniamo debordanti sulla resistenza dinamica rossa, è lecito attendersi un test della rialzista in area 1,367 circa in questa settimana, nella migliore delle ipotesi potremmo invece andare direttamente al test della resistenza sul giornaliero a 1,385 circa.

 

EurUsd weekly

Stampa E-mail
Scritto da Offear   
Domenica 06 Febbraio 2011 22:07

Euro che si ferma sulla prima rialzista (non ho fatto altro che allungare il segmento, è la solita linea tracciata da settimane) in area 1,386, è lecito attendersi una zona di accumulo intorno ad area 1,35 per poi vedere dove ha intenzione di dirigersi, per ora il target rimane sempre 1,40 di medio salvo rottura short sotto 1,34, segnale che potrebbe ridare forza al dollaro.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 2