|
  

Online grazie a...

INDICATORI OSCILLATORI

Stampa E-mail

Uno degli argomenti più ricercati, praticati e sovrastimati dai Trader è quello relativo agli Indicatori. A questo proposito vale la pena fissare alcuni paletti .  Non si fa trading sugli Indicatori.

  • Il vero Trader riesce a leggere il Mercato SENZA l’ausilio degli Indicatori. Il grafico a candele dice già tutto. Il motivo di questo ridimensionamento del ruolo degli Indicatori sta nel fatto che gli Indicatori sono una “derivata” dei Prezzi, dei Patter, delle Figure che i Prezzi disegnano sul grafico, quindi difficilmente dicono qualcosa che i Prezzi e i Volumi non abbiano già suggerito, e quando lo dicono lo fanno con un certo ritardo (vedi ad es i segnali derivanti dall’incrocio delle Medie Mobili, opp la segnalazione di Divergenze che indicano solo una “anomalia” fra grafico dei Prezzi e partecipazione degli operatori sul Mercato, MA non suggeriscono nessuna informazione operativa: i Prezzi possono rimanere in Divergenza anche per un periodo di tempo prolungato).
  • Gli Indicatori censiti sono centinaia. Il motivo è che non esiste un Indicatore buono per tutte le situazioni di Mercato, al contrario, ogni Indicatore ha una valenza appropriata ad un certo contesto e non ad un altro. Gli Indicatori sono paragonabili alle risposte di una tradizionale sezione FAQ ( Frequent Asked Questions): risposte utili a domande pertinenti. Se non fate la domanda pertinente e appropriata la risposta sarà  fuorviante.
  • Gli indicatori andrebbero di volta in volta settati a seconda dell’orizzonte di lettura del movimento di mercato. Invece nella stragrande maggioranza dei casi si usano gli Indicatori con il setting di default della piattaforma. E’ come se metteste degli occhiali con una gradazione diversa dalle vostre necessità: vi mancano 2 diottrie e inforcate gli occhiali di uno a cui ne mancano 5. Figuratevi poi se sbagliate anche l’Indicatore: è come se un presbite mettesse gli occhiali di un miope.

 Visto che basta poco al Trader per accorgersi che la materia Indicatori è meno intuitiva e risolutiva di quanto ci si aspetti, non è inusuale vedere grafici dei prezzi corredati da 4 5 o 6 indicatori diversi (Medie Mobili, Bande di Bollinger, RSI, Macd, Stocastico e Momentum). E’ il caso del miope che inforca gli occhiali del presbite e -per non sbagliare- aggiunge anche gli occhiali da lettura della moglie …. Secondo voi -oltre al mal di testa- che avrà capito di quello che avrebbe voluto leggere?

Considerate  gli Indicatori alla stregua dei sottotitoli di un film in lingua originale. Se conoscete la lingua potete godervi il Film. In caso di dubbi interpretativi sui dialoghi, una fugace occhiata ai sottotitoli può aiutare a fugare le incertezze e tornare a godersi il Film. Se invece non conoscete la lingua e dovete continuamente ricorrere ai sottotitoli finirete per perdervi il Film completamente: inutile che siate andati al Cinema.

Gli Indicatori funzionano esattamente alla stessa maniera. Se per capire cosa fa il Mercato avete bisogno degli Indicatori continuerete a perdervi la storia che il mercato sta raccontando.

PS. questo è quello che è accaduto al grafico nel periodo successivo, e sfido chiunque a desumerlo dal set di Indicatori/Oscillatori del precedente grafico

 

Mentre sarebbe bastato affidarsi ai Prezzi e alla violazione di semplici ma significative Trend line Statiche o Dinamiche per tradarsi con successo il movimento Short e i movimenti successivi. N.B: dalla violazione del doppio minimo di Marzo e Agosto 2012 a 31€, poi puntualmente ritestato dal basso per verificarne la significatività, il titolo è sceso fino ad area 20€ ( un bel 30% di utile).

E anche se avesimo voluto continuare a Tradarne i rimbalzi, i segnali delle TL Dinamiche sarebbero state affidabili e profittevoli

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Gli articoli di SpazioTrader.it sono Copyright dei rispettivi autori
Questo articolo ti è stato utile? Considera di fare una piccola donazione per aiutarci a mantenere attivo il servizio!
Nota Importante: Questo articolo riflette l'opinione personale dell'autore e in nessun caso costituisce sollecitazione all'investimento. L'investitore che decidesse di seguirne le indicazioni, lo fa per libera scelta e a proprio rischio. L'autore del messaggio potrebbe essere in conflitto di interesse in quanto potrebbe essere possessore dei titoli eventualmente evidenziati nel messaggio stesso. Gli spunti proposti sono generalmente basati su un modello tecnico-grafico analizzato secondo le personali convinzioni dell'autore, e non possono in alcun modo sostituire il libero ed informato giudizio dell'investitore, che agisce a proprio rischio e pericolo.
Ultimo aggiornamento Lunedì 09 Settembre 2013 14:14