|
  

Online grazie a...

Correlazioni, queste sconosciute

Stampa E-mail

Le tradizionali correlazioni dirette o inverse fra i diversi asset ( Valute SU = Borse GIU' ; Titoli Obbligazionari al Rialzo = Borse al Ribasso ; T-Note in ascesa nei periodi di Recessione, correlazioni fra le diverse Borse mondiali; Oro al Rialzo = Borse al ribasso...), tradizionalmente un faro per gli investitori, sono ultimamamente saltate per una somma di fattori.

Gli strumenti di negoziazione sempre più sofisticati e potenti (HFT), Strumenti Finanziari creativi e prodotti sintetici (per alcuni sottostanti ci sono fino a 20 livelli di derivati), ma soprattutto l'enorme marea di liquidità riversata sui Mercati attraverso le manovre di politica monetaria ( Quantitative Easing, LTRO, Abenomics ), hanno modificato radicalmente i vecchi parametri di correlazione . Sino ad ora in USA tutti i dati macro negativi -invece che deprimere-hanno dato carburante alle piazze azionarie proprio nell'aspettativa che il ritiro del QE fosse rimandato. Ogni dato minimamente positivo dal lato occupazione, Consumer confidence, indice acquisti ha depresso le borse nel timore di una exit strategy dalla politica monetaria espansiva !!!

A chi pensa con convinzione che le Borse siano tutte correlate fra loro basta dare una rapida occhiata ai livelli raggiunti da S&P, NASDAQ e DAX ( sui massimi storici) e EuroStoxx Nikkey e FTSEMib a metà del percorso di ripresa o ben al di sotto.

Molto interessante mi sembra uno studio tratto da http://research.stlouisfed.org/  da cui si evince come, fino al 2000 circa, il T-Note a 10 anni abbia sempre raggiunto dei picchi di Valore nelle fasi di recessione economica (indicate con le barre grigie), mentre ora ...

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Gli articoli di SpazioTrader.it sono Copyright dei rispettivi autori
Questo articolo ti è stato utile? Considera di fare una piccola donazione per aiutarci a mantenere attivo il servizio!
Nota Importante: Questo articolo riflette l'opinione personale dell'autore e in nessun caso costituisce sollecitazione all'investimento. L'investitore che decidesse di seguirne le indicazioni, lo fa per libera scelta e a proprio rischio. L'autore del messaggio potrebbe essere in conflitto di interesse in quanto potrebbe essere possessore dei titoli eventualmente evidenziati nel messaggio stesso. Gli spunti proposti sono generalmente basati su un modello tecnico-grafico analizzato secondo le personali convinzioni dell'autore, e non possono in alcun modo sostituire il libero ed informato giudizio dell'investitore, che agisce a proprio rischio e pericolo.
Ultimo aggiornamento Giovedì 26 Settembre 2013 09:41